Festa in Seminario per il conferimento dei Ministeri


21122012213641Sabato 9 Aprile alle ore 11.00, presso la Cappella del Pontificio Seminario Regionale Sardo del Sacro Cuore di Gesù, diciassette seminaristi della nostra comunità hanno ricevuto i ministeri del Lettorato e dell’Accolitato. Il conferimento dei ministeri è avvenuto durante la celebrazione Eucaristica presieduta dal Vescovo della Diocesi di Alghero-Bosa Mons. Mauro Maria Morfino. Hanno concelebrato alla Santa Messa l’Arcivescovo della Archidiocesi di Oristano Mons. Ignazio Sanna e il Vescovo della Diocesi di Iglesias Mons. Giovanni Paolo Zedda, insieme a diversi presbiteri parroci delle parrocchie di origine e pastorale dei seminaristi istituendi.
Come ha ricordato Mons. Morfino, il servizio che svolgono i ministri istituiti non è soltanto un atto liturgico, ma esso implica l’orizzonte vitale della persona: occorre diventare testimoni di una Parola che rende fecondi evitando di mettere al centro se stessi e riscoprendo come aspetto centrale l’ascolto. In tal modo si diventa capaci di una vera comunione che è il fulcro di tutto il servizio ministeriale. Mons. Morfino ha rivolto all’assemblea una catechesi profonda sul significato del termine comunione: nutrirsi con il Corpo e con il Sangue di Cristo, deve portare i discepoli a non essere fautori di divisione all’interno della comunità, ma costruttori di quella unità nella partecipazione all’unico Pane.
Infine il Vescovo ha sottolineato che Gesù si rende presente nella “barca” della nostra vita, per aiutarci a compiere un passaggio “ad altra riva”. Seppur nella difficoltà della traversata il discepolo è chiamato tutti i giorni a comprendere quale riva lo attenda. I venti non cesseranno, le difficoltà probabilmente aumenteranno ma con il Signore sulla barca si arriverà velocemente alla riva per ritrovare finalmente quella meta che ci attende.
Su questi doni di Dio dobbiamo costruire l’edificio della formazione perché costituiscono i principali punti di riferimento della vita del presbitero, chiamato ad annunciare la parola di Dio facendo diventare la propria vita un perenne rendimento di grazia. Dopo la celebrazione si svolto un momento di convivialità e fraternità assieme agli ospiti e familiari.